SWAMI ATMA

Swami Atmapriyananda

Docente

Swami Atmapriyananda ha studiato presso il Vivekananda College di Madras, e ha conseguito la laurea in Fisica nel 1968 presso l’Università di Madras.

Ha conseguito la laurea magistrale in Fisica, con specializzazione in fisica nucleare teorica, presso il Presidency College, Madras University, nel 1971.

Si è poi trasferito al Dipartimento di Fisica Teorica dell’Università di Madras, dove ha conseguito il Diploma post-laurea di un anno in Fisica Teorica (allo stato attuale denominata M.Phil.) nel 1972.

È entrato a far parte del Dipartimento di Fisica Teorica dell’Università di Madras per il suo programma di dottorato e ha completato la sua tesi di dottorato nel 1975 sugli “Studi sulle interazioni delle particelle spin “.

Ha al suo attivo nove pubblicazioni su riviste internazionali di fama come Physical Review (USA), Nuovo Cimento (Italia), Journal of Physics (UK), Nuclear Physics (Olanda) ecc.

La sua area di ricerca era la fisica teorica delle particelle elementari.

Dopo aver conseguito il dottorato di ricerca, ha prestato servizio come docente di fisica presso il rinomato Loyola College, un college autonomo sotto l’Università di Madras, dal 1975 al 1978.

Ispirato dall’ideale di Ramakrishna e Vivekananda di “rinuncia e servizio”, atmano mokshartham jagaddhitaya cha ,  per la propria liberazione e per il bene del mondo , rinunciò alla vita mondana e si unì nel 1978 alla Ramakrishna Mission nel complesso scolastico chiamato Saradapitha a Belur Math come Brahmacharin. Come Swami della Ramakrishna Mission ha iniziato l’insegnamento e l’amministrazione scolastica.

Da allora ha insegnato Fisica a Vidyamandira. È stato nominato Vicepresidente di Vidyamandira nel 1986, suo Preside nel 1992. E’stato Preside dal 1992 al 2005.

Grazie al suo impegno e con il sostegno del Consilgio direttivo della Ramakrishna Mission  è stata realizzata realizzata la profezia di Swami Vivekananda secondo cui la sede di Belur Math sarebbe fiorita in una “grande università”: il Ramakrishna Mission Vivekananda Educational and Research Institute (RKMVERI) o come è attualmente conosciuto la Ramakrishna Mission Vivekananda University”, riconosciuta come università con pubblicazione  sulla Gazzetta del  5 gennaio 2005.

Sulla base del Concept Paper che ha scritto, è stato istituito un comitato dal Consiglio Direttivo della Ramakrishna Mission al fine di valutare la possibilità di porre l’università Vivekananda sotto l’egida della di Ramakrishna Mission, a conferma della profezia di Swami Vivekananda secondo cui la sede di Belur Math sarebbe fiorita in una “grande università”.

Swami Atmapriyananda è stato nominato presidente di questo comitato. Gli sforzi di tale comitato sono culminati nel governo centrale (Ministero per lo sviluppo delle risorse umane) –  su consiglio della Commissione Borse di studio universitarie –  che ha riconosciuto il Ramakrishna Mission Vivekananda Educational and Research Institute (RKMVERI) come università, con pubblicazione  sulla Gazzetta del  5 gennaio 2005.

Il nome di questo Istituto è stato successivamente cambiato in “Ramakrishna Mission Vivekananda University”, come è attualmente conosciuto.

Swami Atmapriyananda è stato nominato Vice Rettore di questa nuova università nel 2005 ed è tuttora in carica.

Sotto la sua guida, l’Università , ha ricevuto un livello più alto di qualità ( A +) –  di accreditamento dal National Accreditation and Assessment Council (NAAC).

Gli insegnamenti dell’università hanno come scopo di creare un ponte tra l’antica saggezza indiana e la scienza moderna come immaginato da Swami Vivekananda, che ha detto: “Ciò che vogliamo è la scienza moderna unita al Vedanta”.

Swami Atmapriyananda ha un’esperienza didattica e amministrativa negli istituti di istruzione superiore universitaria di 30 anni.

Swami Atmapriyananda si dedica particolarmente allo studio della filosofia Vedanta, interpretata alla luce del pensiero di Ramakrishna e Vivekananda e delle moderne scienze fisiche (teoria della relatività e meccanica quantistica), della Baghavad Gita, delle Upanishad nella tradizione di Shankaracharya, Ramakrishna e Vivekananda, della grammatica sanscrita di Panini, agli studi sulla coscienza, ecc.

Sono state avviate ricerche in alcuni di questi campi nel nuovo istituto di ricerca Vivekananda all’interno dell’Università.